Ambiente, 27 milioni per le imprese turistico-ricettive siciliane

Emanato dal dipartimento Ambiente della Regione siciliana il bando pubblico, relativo all’obiettivo del PO Fesr 2007-2013 “Rafforzare la rete ecologica siciliana, favorendo la messa a sistema e la promozione delle aree ad alta naturalita’ e conservando la biodiversita’ in un’ottica di sviluppo economico e sociale sostenibile e duraturo”. Il bando, che attiva risorse per 27 milioni di euro, riguarda la linea d’intervento 3.2.2.4 “azioni congiunte di tutela, sviluppo sostenibile e promozione imprenditoriale del sistema della Rete ecologica siciliana”.

Destinatari degli interventi sono le piccole e medie imprese del settore della fruizione turistica e turistico—alberghiera, che operano nei comuni facenti parte della Rete ecologica siciliana.

Per rafforzare i centri minori saranno ritenuti prioritari gli interventi nei comuni inferiori a 5 mila abitanti e quelli nelle isole minori.

“In un momento in cui il turismo ecostosteniile e’ in forte crescita – ha detto l’assessore regionale all’Ambiente, Sebastiano Di Betta – questa e’ un’azione concreta affinche’ il nostro patrimonio ambientale sia effettivamente fruito. Si tratta di un’efficace opera di promozione delle attivita’ imprenditoriali all’interno delle nostre aree naturalistiche, che le mettera’ in condizione di elevare il loro livello qualitativo”.

Saranno finanziati interventi relativi a: 1) attivita’ ricettive alberghiere ed extralberghiere; 2) attivita’ di ristorazione direttamente correlate alla gastronomia tradizionale e tipica regionale siciliana e ai prodotti naturali e caratteristici; 3) attivita’ rivolte alla promozione turistico-ambientale;

Per le attivita’ ricettive potranno essere ammessi esclusivamente interventi di riconversione e riqualificazione del patrimonio immobiliare gia’ esistente di alberghi; motels; villaggi albergo; residenze turistico alberghiere; campeggi; villaggi turistici; esercizi di affittacamere; case ed appartamenti per vacanze, case per ferie; ostelli per la gioventu’; rifugi alpini; aziende turistico residenziali; turismo rurale, ad esclusione delle attivita’ agrituristiche, perche’ destinatarie di interventi dell’assessorato per le risorse agricole.

L’importo complessivo degli aiuti “de minimis” destinati a una impresa non puo’ superare i 200 mila euro e fino al 70 per cento della spesa ammissibile e sostenuta.

Le domande dovranno essere inviate all’assessorato Territorio e ambiente entro 120 giorni dalla pubblicazione in GURS.

CategorieSenza categoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *