Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Acque bianche contaminate del residence Il Giardino sui Laghi finiscono nel lago di Ganzirri

Letto 1385 volte

MESSINA. L’ARPA, l’Agenzia Regionale per l’Ambiente, della Regione Sicilia lo ha messo nero su bianco: le acque bianche del residence Il Giardino sui Laghi non sono pulite e contengono anche il temuto batterio Escherichia coli. Non solo: queste acque finiscono nel lago di Ganzirri. Fonti riservate riferiscono che nel campione esaminato il batterio Esterichia coli è a 57.000 unità su 100 ml: ma nelle acque bianche non dovrebbe essere presente e nelle acque nere degli scarichi fognari il limite è 5.000. I dati rilevati nel complesso residenziale della zona nord danno da pensare e si prevede una sanzione cospicua per i responsabili.

Nel verbale di campionamento redatto il 9 agosto scorso effettuato dal pozzetto delle acque bianche in corrispondenza dell’ingresso nord del residence si legge che “È stato visionato un pozzetto nel quale dovrebbe dovrebbe confluire lo scarico delle acque della piscina. Si rappresenta che al momento del sopralluogo lo scarico non è attivo e in ogni caso lo scarico delle acque della piscina condominiale confluisce nella condotta fognaria“.

La verifica è stata effettuata da personale AMAM alla presenza di uomini della Polizia Municipale e la nota inviata ieri  dall’ARPA al Comando dei Vigili Urbani, all’assessorato Rifiuti e Ambiente e alla Guardia di Finanza non lascia dubbi. “In merito agli esami analitici si riferisce che gli stessi, con particolare riferimento ai valori di concentrazione ottenuti per i parametri COD, BOD5, Azoto ammoniacale ed Escherichia Coli evidenziano che il campione analizzato è contaminato da refluo fognario“.

L’11 giugno scorso l’assessorato all’Ambiente del Comune di Messina effettuò un sopralluogo nel lago antistante il residence e individuò degli scarichi di acque bianche. Seguendo il percorso a ritroso di questui ultimi, si scoprì che erano relativi al complesso Il Giardino sui Laghi. Un paio di mesi per richiedere le autorizzazioni necessarie ed effettuare le analisi dopo il prelievo dei campioni e poi il risultato attestato dagli uffici dell’ARPA.

 

 

Elisabetta Raffa

Giornalista professionista dal secolo scorso, si divide equamente tra articoli di economia e politica, la cucina vegana, i propri cani, i libri, la musica, il teatro e le serate con gli amici, non necessariamente in quest’ordine. Allergica ai punti e virgola e all’abuso dei due punti, crede fermamente nel congiuntivo e ripete continuamente che gli unici due ausiliari concessi sono essere e avere. La sua frase preferita è: “Se rinasco voglio essere la moglie dell’ispettore Barnaby”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.